Progetto per la Città (in) differente : la visione della nostra geografia virtuosa per Reggio Calabria > 3° incontro collettivo condiviso (scarica doc.)

°° Riflessioni introduttive dal 3° Incontro Azioni riSoluzionarie Condivise del 26.06.2014

“Tutti i programmi che vengono proposti in questi giorni in città lavorano sui bisogni della città, in maniera attenta e diversamente con più o meno puntualità, credo che però sia necessario produrre e proiettare “una visione di città”, per far uscire Reggio dall’idea che non siano possibili desideri e che tutto si giochi sulla soddisfazione del bisogno che può diventare personale – idee già presenti in passate amministrazioni – non della sfida collettiva. Non e’ quindi solo bastevole interpellare le persone che producono idee, occorre mostrare concretamente verso quale visione di città si vuole andare ed accogliere priorità, azioni, capacità e competenze che possono essere utili all’obiettivo. Una politica generosa, libera e coraggiosa per la città che chiama tutti ma anche che sceglie “a chi” affidare il suo futuro e per che cosa” (consuelo nava)

°° galleria fotografica del 3° incontro Azioni RiSoluzionarie Condivise > presentazione del documento sulla nostra visione di Città (in)Differente

https://plus.google.com/photos/114758730917322191509/albums/6029341131689474945?authkey=CKitsdeOx7CfwwE

°° cfr in blog: #rassegna stampa 28.06.2014

http://ergosudblog.com/?page_id=319

°°° presentazione del progetto ReActionCity Reggio 2014

http://www.reactioncity.com/

 

_ieri

 

 

 

 

 

 

^^^ DOCUMENTO    LA VISIONE e L’AGENDA URBANA

 

§ puoi  visualizzare,scaricare e stampare il pdf dal link (evidenzia, tasto dx ed apri link):

https://docs.google.com/file/d/0B55AAn0beGzLU2t3V3R3RlZlTkU/edit

 

TESTO:

Progetto per la Città (in) differente :  la visione della nostra geografia virtuosa per Reggio Calabria

  Il Progetto di città (in) differente propone “una visione”  costruita con strategie importanti ed operazioni orientate, ma anche con azioni brevi per cambiamenti lunghi, attraverso operazioni che riconnettono il progetto urbano con quello umano, dove l’azione ed i luoghi della città, per cogliere le opportunità future, definiscono la città attraverso un processo capace di azioni collettive, restituendo la città ai cittadini attraverso “tre geografie”.

1.Città Metropolitana a vocazione euromediterranea: nuova geografia dello sviluppo e delle identità
2.Amministrazione condivisa, libera e competente: nuova geografia della governance
3.Cittadinanza attiva e costruzione sociale della città: nuova geografia delle relazioni e della partecipazione

> “Il primato della cittadinanza attraverso i suoi cittadini”
Si tratta fin dall’inizio della sua proposta di un invito a desiderare una città differente ed agire per realizzarla insieme: amministratori, cittadini, soggetti ed organizzazioni sociali, attraverso la partecipazione spontanea ed organizzata. Le operazioni strategiche necessitano anche delle azioni, strutturate ma anche brevi, temporanee per attivare processi di trasformazione e di cambiamento lunghi, perché la città e’ la condivisione di spazi e comunità che vivono il loro tempo dell’abitare, attraverso attività individuali e relazioni sociali e collettive.
Lavorare sui progetti e proposte di trasformazione in luoghi comuni e condivisi, modifica gli spazi, li riattiva, li ripara e li migliora. Qualifica il loro funzionamento attraverso le esperienze che si possono mettere in campo, grazie agli attori attivi della “fabbrica civica e dei diritti della città e della cittadinanza” a cui aspiriamo per Reggio Calabria.

> “La città attesa attraverso sguardi differenti”
Vi è una città che attende di ritrovare se stessa attraverso sguardi differenti e luoghi capaci di trasformarsi in veri e propri presidi e spazi di cambiamento. È’ la città che dai bisogni deve passare ai desideri e che guarda a luoghi, comportamenti, servizi, possibilità, paesaggi e comunità in grado di far emergere ogni possibilità virtuosa, legale e coraggiosa di ripresa, sviluppo e prossimità. “Aspettando la città” occorre costruirla attraverso l’immaginario di nuove geografie percorribili anche con le nuove generazioni, mettendo in gioco tutte le attività che possono concorrere a correggere prospettive già date che non sono qualificate, suggerendo sguardi nuovi ed alternativi per occhi ed azioni di appartenenza e responsabilità sulla città e le comunità che la abitano, sulla classe dirigente che deve “lavorare per Reggio”. Provare così ad orientare la visione della città partendo dai suoi nuovi sguardi e dalla ricerca delle opportunità, desideri e delle aspirazioni.

> “Visioni e sfide per la città”
L”Agenda Urbana” e’ il modo con cui si contribuisce attraverso sfide, azioni ed impegno alla visione per la città metropolitana di Reggio Calabria, in un percorso che incoraggia a coltivare immaginari e risolvere emergenze puntando a vedere oltre ogni necessità, la possibilità di attivare processi di coesione sociale e rigenerazione della nostra città; una vera e propria resistenza estetica e civile per la restituzione di una città vera e bella, dove poter desiderare, vivere e innescare pratiche virtuose per la qualità della vita di tutti i cittadini.
Gli impegni, le azioni ed i tempi di questo processo sono quelli che appartengono alla visione collettiva costruita con il contributo di tutti, ciò che organizzerà l’agenda urbana, le cui strategie ed operazioni sono individuate nel documento, con la speranza e l’ambizione che lo stesso possa divenire un manifesto a cui connettere le azioni che i partecipanti al progetto vorranno mettere in campo (eventuale progetto politico e/o elettorale per amministrative 2014 da rappresentare e/o condividere)

*** PROPOSTA di AGENDA URBANA_(documento aperto ad altre operazioni ed azioni)

>> Strategie       # Operazioni       ∑ Azioni-Attività

****

>> Città Metropolitana a vocazione euromediterranea: nuova geografia dello sviluppo e delle identità

# – Dal Psc della citta’ al progetto di territorio, alla rete dei territori (geografia metropolitana e suo funzionamento amministrativo e territoriale: la comunità metropolitana: dello stretto e dei suoi territori di terra – vs messina: istituzioni, cultura e vs reggio: urbano, agrourbano e costa, strategie di gestione del consumo di suolo e progetto di produttività sul paesaggio ed i sistemi dell’ambiente; i progetti territoriali amministrativi e di sviluppo)

– La rete diffusa di mobilità sostenibile, le connessioni, i servizi integrati

– La Citta’ verso Europa 2020, misure dirette e indirette su fondi reg.li (Rigenerazione urbana sostenibile e coesione sociale; Rafforzamento e coordinamento di attività di promozione culturale e sviluppo produttivo (inclusione e rete; innovazione di pratiche connesse alla co-governance tessuto imprenditoriale-città)

– Programma di riqualificazione urbana delle periferie di città (nodi e porte della citta’ metropolitana): diritto alla casa, messa insicurezza, spazi e servizi pubblici, decoro urbano, sicurezza ed igiene ambientale.

∑ Idee e proposte da progetti condivisi (da singoli, ass.ni, movimenti, laboratori)
>> Amministrazione condivisa, libera e competente: nuova geografia della governance

# – Innovazione amministrativa strutture e servizi, assessorati e competenze: una nuova architettura dei servizi (tempi e modi) e dell’organizzazione delle risorse umane (competenze, qualificazioni ed attività per la trasparenza e la traccibailità), anche in previsione dell’entrata in funzione della città metrop.

– Organizzazione e deleghe municipali per i territori urbani: rete civica e presidi (componente amministrazione)

>Blue Economy:
– Bilancio sociale e delle priorità emergenti

– Piano di premialita’ su tassazione servizi ed incentivi per pratiche di cittadinanza virtuosa (su beni privati-residenziali, su servizi pubblici-produttivi)

– Piano della captazione delle risorse economiche dalle opportunità esterne e dai risparmi interni

>Gestione condivisa e libera (legale, equa e giusta):

– Beni comuni (di proprietà ed affidati – confiscati e sequestrati) e Servizi pubblici locali : piano degli investimenti, proprietà pubblica ed uso pubblico-privato (separazione della direzione dei servizi pubblici locali e cogestione:mantenimento delle proprietà pubblica e dell’organizzazione delle risorse dell’ente disponibili; sistemi di accorpamento dei servizi, regolamenti condivisi e procedure trasparenti)

– Piano di completamento e governance dei poli ricettivi e di servizio di proprietà comunale: priorità e strategie

– Spazi pubblici collettivi: piano di rigenerazione e gestione condivisa

– Regolamenti condivisi per l’uso de tessuto produttivo (piano commerciale-urbano, acquisti solidali e legali, premialita’ per scelte e pratiche virtuose)

∑ Idee e proposte da progetti condivisi (da singoli, ass.ni, movimenti, laboratori)

>> Cittadinanza attiva e costruzione sociale della città: nuova geografia delle relazioni e della partecipazione

# – Progetto di amministrazione condivisa e trasparente (piano di gestione e comunicazione de azioni ente-cItta: servizi ed attività’, modi)

– La città dei diritti e l’agenda dei diritti (governance, servizi e tutele)

– Welfare e sicurezza sociale 1. cura, assistenza e reti pubbliche-private di solidarietà 2. Servizi e pratiche di innovazione sociale

– Città differente: agenda e piano di assistenza, orientamento, servizi e progetti orientati per i soggetti sensibili: donne, disabili, anziani, nuovi cittadini (immigrati), diritti civili e di riconoscimento civile.

– Piano di coesione locale per i giovani (condivisione di attivita’ per l’orientamento alla formazione (scolastica, universitaria, professionale), strategie di attivazione di opportunità per la qualificazione ed il lavoro in percorsi orientati e condivisi con tessuto produttivo e sociale (con scuole, università, ordini professionali, sindacati, enti e rappresentanze)

-Terzo settore e blue economy: coesione sociale e innovazione produttiva, sviluppo sostenibile del territorio e delle sua produttività. (Commissione condivisa)

– Federalismo solidale connesso alle opportunità di governance tra enti, istituzioni e Ass.ni etc (terzo settore, sociale, assistenza, indigenza e povertà, chiesa e diocesi)

– Organizzazione e deleghe municipali per i territori urbani (componente civica)

∑ Idee e proposte da progetti condivisi (da singoli, ass.ni, movimenti, laboratori)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.