Centrale a Carbone di Saline? Il punto è il TAR che ci dice “tre volte incivili” !!!

E’ di queste ore la notizia della bocciatura del ricorso al TAR contro la Centrale a Carbone a Saline Joniche. Qualche titolo di testata ne approfitta della nostra sopportazione per la veggenza e parla di tutti i ricorsi bocciati, ma non è così, intanto è bocciato ad oggi solo quello inoltrato da alcune associazioni e cooperative di produttori… c’è ancora da aspettare l’esito del ricorso fatto con il comitato e le associazioni e la Regione ancora, insomma quello proveniente “dal basso”!

Intanto per l’intervento fatto “dall’alto” ci siamo presi uno schiaffone ed almeno tre volte “incivili”… “ed io non mi sento tanto bene!”

Il primo “incivili”, è di natura burocratica, verso la Regione, che nel passaggio in discussione per il ricorso in atto, seppure non ancora ricorrente, intanto viene redarguita in sintesi  per non essere intervenuta sui fatti tecnici quando doveva ed aver sbagliato tavolo per l’efficacia del ricorso. Ci dicono in un colpo solo  che siamo stati distratti, incompetenti ed inconcludenti; se sia una motivazione strumentale o davvero una questione utile che anticipa il futuro non si sa… Ma sui ritardi su Saline è dai tempi della Liquilchimica che è cosi.

 Il secondo “incivili” arriva con quanto scritto nel motivo n.6 “La presunta violazione del principio dello sviluppo sostenibile riguarda interessi pubblici “insindacabili da parte del giudice amministrativo”. Per la serie l’interesse pubblico si cura con altri atti di mediazione democratica, cioè per esempio con scelte politiche prima che arrivino gli investitori privati. Quando si interessa la fase amministrativa “quello che è fatto è fatto…”. A noi si sa, sto pezzo di democrazia è sempre mancato!

Il terzo “incivili” arriva con il motivo n.7 “Infine, “in assenza di un piano energetico nazionale aggiornato”, è ammessa la costruzione di centrali termoelettriche alimentate a carbon fossile di nuova generazione se allocate in impianti industriali dismessi purché rispettino determinate specifiche prestazionali”. Insomma vale a dire “se appartenete ad paese che ancora corre agli armamenti, fa fatica a smaltire il fascino per il nucleare, ha la terra dei fuochi, si sprofonda ad ogni pioggia e non avete nemmeno un piano energetico nazionale, ma di quali diritti e salvaguardie parlate se le leggi vigenti sono quelle della prima rivoluzione industriale? Le specifiche prestazionali appunto… per noi quelle valgono!”

 Adesso sulla sentenza si potrà anche dire altro, come si dirà, si potrà continuare ad agitarsi per cercare di difendere il nostro ritardo civile, ma una cosa è certa questa sentenza è un manifesto del nostro degrado etico e di responsabilità e quindi politico. Della nostra incapacità di difendere ogni livello di giustizia sociale, quando tutto va a finire per le vie legali, della nostra forza e del nostro coraggio ad indignarci, ma anche della nostra maledetta condizione di “separati in casa”, quella che non ci fa raggiungere mai e certamente il risultato quando tra la cittadinanza attiva ed i poteri dello stato, c’è una politica  di tutti i colori atavicamente in ritardo, confusa, che rincorre le cose, spesso incompetente ed assai di più in questo caso senza il coraggio di investire in azioni, economie ed innovazione prima che in ricorsi, senza mai ascoltare quando serve, al momento giusto. Intanto attendiamo con speranza l’esito dell’altro ricorso delle associazioni con la Regione e che si capovolga la storia, quindi. (cfr video sotto).

Foto dalla mostra di Valentina Palco.

Foto dalla mostra di Valentina Palco.

Ma spesso è così che i ricorsi arrivano quando già l’inquinamento è in atto. Come per Saline.

– ->> Puoi anche consultare.

*Notizia del giorno:

Il TAR del Lazio boccia tutti i ricorsi: la Centrale a Carbone di Saline Joniche (RC) si farà

*Avevo già scritto:

La centrale di Saline sarebbe la fotocopia dell’Ilva di Taranto. (su Zoomsud, 8 dicembre 2012)

http://www.zoomsud.it/index.php/primopiano/44461-la-centrale-di-saline-sarebbe-la-fotocopia-dellilva-di-taranto.html

* La nostra riflessione con Pensando Meridiano ad Ergosud “le Ragioni del Qui”

rassegna stampa: http://www.zoomsud.it/index.php/flash-news/57990-rc-ergosud-pensando-meridiano-ha-presentato-il-proprio-manifesto-per-saline-ioniche.html

video iniziativa su “Saline: le ragioni del qui”:https://www.youtube.com/watch?v=qa4KAIbDIZE

proposte per l’area di Saline:https://www.youtube.com/watch?v=Eufa85yoaqI

* La presentazione del ricorso delle associazioni_ Video https://www.youtube.com/watch?v=WAUL19RtFeU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.