Così fanno a Venezia, così si dovrebbe a Reggio Calabria.

ph: Consuelo Nava, Venezia 11.1.2014

Andavamo con il nostro passo lento e un po’ di chi sa che perdendosi attua la meravigliosa pedagogia del vedere, verso P.zza S.Marco.

Una giornata tra le altre che qui si direbbe solare, ma non di festa, anche di lavoro.

Mi soffermo a guardare quei lavori in corso, di sostituzione della pavimentazione in pietra, una pavimentazione storica, ma forse non troppo  che era stata numerata pezzo per pezzo per poter essere risagomata, riscalpellata, rimessa con la tecnica con cui si batte il concio sulla sabbia, quasi a secco. La necessità di resistere ai movimenti che piantumazione di alberi, usura, passeggio e passaggio avevano causato. Nessun rimedio “una volta per tutte”, nessuna sostituzione della pavimentazione guasta con altra pavimentazione nuova ed esatta, ma solo un riciclo della stessa dopo averla rimessa a nuovo. Pensavo al lavoro fatto sul corso Garibaldi di Reggio Calabria, quello che ha proposto di sostituire la pietra calacarea di Macellari con il granito egizio (!!), quella che viene messa in opera con un assaggio di come verrà e che allora necessitò pure di un gazebo di comunicazione Una sostituzione che cancella memoria materiale ed urbana insieme, che rimette tutto sul livello unico e sbagliato facendo smettere a quella pietra di cava locale anche la virtù di segnare i tappeti degli isolati storici del palazzi del centro. Si disse che la cava Macellari fosse esaurita, menzogna. Si disse che così il corso migliorava la sua accessibilità, menzogna. Si disse che non era possibile rimettere tutto come sarebbe giusto per la traccia che va conservata, menzogna. Si dovrebbe solo dire che ancora oggi quei metri quadri che assai cari sono costati, fanno esposizione di loro stessi e del loro essere un errore, cancellando memoria e saper fare. (venezia, 11 genn.2014)

consiglio la lettura:

http://www.circoloculturalelagora.it/le%20pietre%20raccontano%202001.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.